Glaucoma: diagnosi, fattori di rischio e terapia.

Il Glaucoma è una malattia oculare

E’ dovuta ad un aumento della pressione all’interno dell’occhio, ed è una delle cause più frequenti di cecità nel mondo (colpisce circa il 2% di soggetti di età superiore ai 35 anni).  La cecità legata al glaucoma si può quasi sempre prevenire, purchè la malattia sia diagnosticata e curata tempestivamente.

Come si produce l’aumento della pressione intraoculare?

In condizioni normali, all’interno dell’occhio è presente un liquido, l’umore acqueo, che viene continuamente prodotto e riassorbito.

La pressione normale è in media 16 mmHg (millimetri di mercurio) ed in base a considerazioni statistiche, il limite della pressione normale, si considera 21 mmHg; la presenza di una pressione intraoculare normale permette il mantenimento della forma del bulbo ed il normale funzionamento dei processi fisiologici oculari.

Nelle varie forme di glaucoma, processi patologici diversi determinano una resistenza al deflusso dell’umore acqueo e livello del trabecolato sclero-corneale (regione anatomica dell’occhio, situata tra l’iride e la cornea, attraverso la quale viene drenato l’umore acqueo) e di conseguenza, determinano un aumento della pressione intraoculare. La struttura che maggiormente risente della compressione, è la testa del nervo ottico (papilla ottica), nella quale si riducono tutte le fibre nervose provenienti dalla retina, a formare il nervo ottico.

Diagnosi

Con l’eccezione del glaucoma acuto da chiusura d’angolo e di alcune forme secondarie, la maggior parte dei glaucomi ha andamento cronico e subdolo, caratterizzato dalla mancanza di disturbi soggettivi da parte del paziente.

Per evitare che una diagnosi precoce non venga fatta e che ci si accorga della malattia solo in fase avanzata ed irreversibile, è necessario che la patologia venga ricercata nei pazienti che presentano una familiarità alla malattia e ad una loro conseguente probabilità di soffrirne.

Poichè il primo segno è la presenza di un ipertensione oculare, l’esame che verrà effettuato principalmente, è la tonometria: la misurazione della pressione intraoculare, associata alla valutazione oftalmoscopica della papilla ottica.

Successivamente, una volta conclamata la patologia o un sospetto di essa si procederà con ulteriori accertamenti più approfonditi.

Fattori di rischio

I fattori di rischio sono:

  • Pressione intraoculare;
  • Età;
  • Anamnesi Familiare;
  • Diabete;
  • Miopia;
  • Ipertensione arteriosa;
  • Emicrania;
  • Vasospasmo;
  • Terapia.

Una volta stabilita la presenza della patologia e la sua eziopatogenesi, si procederà con la terapia, che potrà essere farmacologica, para – chirurgica o chirurgica a seconda dei casi.

Clinica Torre Eva offre tutti i servizi di terapia per questa malattia, oltre a visite di prevenzione e diagnosi della stessa.