Cornea

La cornea rappresenta la parte dell’occhio con il maggior potere diottrico, ed insieme alla sclera forma uno strato esterno protettivo che racchiude i restanti tessuti oculari.

La sua forma, in proiezione frontale, è assimilabile ad un ellisse, con il diametro verticale che misura in media 10.6 mm e quello orizzontale di circa 11.7 mm. Al centro, la cornea, ha uno spessore medio di circa 520 micron, mentre avvicinandosi al limbus (zona circolare a livello della quale, la cornea, si inserisce nella sclera) lo spessore aumenta, andando a raggiungere i 670 micron.

Da un punto di vista anatomico istologico la cornea può essere divisa in cinque strati: l’epitelio, la membrana di bowman, lo stroma, la membrana di descemet e l’endotelio.

Vuoi scoprire di più sul trapianto di cornea?

Compila il form per ricevere ulteriori informazioni. I nostri specialisti saranno a tua disposizione.

Accetto la Privacy Policy

Quando fare il trapianto: diagnosi

Il trapianto di cornea si effettua quando le terapie farmacologiche non consentono più la guarigione dei tessuti corneali, quando la cornea è fortemente opacizzata o deformata (traumi) o quando sono presenti patologie di grado avanzato (cheratocono, cheratopatia bolsa, infiammazioni, infezioni batteriche/fungine).

Clinica Torre Eva ha stipulato una convenzione con la Fondazione Banca degli Occhi del Veneto-Onlus (centro regionale di riferimento per gli innesti corneali e di ricerca sulle cellule staminali epiteliali) per l’acquisto di cornee per i trapianti.

Presso Clinica Torre Eva, infatti, si eseguono i trapianti di cornea. Il trapianto di cornea è un intervento di microchirurgia che si esegue in sala operatoria. Durante l’ intervento, la cornea malata del paziente, viene sostituita totalmente o parzialmente con la cornea sana di donatore.

La cornea malata del paziente, viene sostituita totalmente o parzialmente con la cornea sana di donatore. Sostituire solo la parte malata della cornea permette di ridurre i rischi di un possibile rigetto oltre che di accelerare il recupero funzionale ma la scelta della tecnica chirurgica, spetta sempre e solo al medico oculista.

Gli interventi di trapianto di cornea vanno pianificati con un anticipo di 20/30 giorni, in quanto le cornee vengono selezionate e conservate nelle banche delle cornee, le quali certificano la qualità del tessuto. La pianificazione dell’ intervento è subordinata dalla quantità di tessuto disponibile presso le banche degli occhi. Lo scopo del trapianto è quello di ripristinare l’anatomia corneale dell’occhio per migliorare la funzione visiva del paziente e per sottoporsi a questo tipo di chirurgia, non vi sono limiti di età. Tutte le patologie che provocano una grave alterazione della trasparenza e/o della curvatura della cornea portano alla riduzione parziale o totale della vista.

Scopri di più

Scopri la clinica

Compila il form per ricevere informazioni su orari, costi e terapie. I nostri specialisti saranno a tua disposizione.

Entra in contatto